amianto

Amianto alla Buca di Nerone

3 marzo 2013

La Guardia di Finanza nella mattinata di venerdì è intervenuta per mettere sotto sequestro un’area alle porte della centrale di Torre Valdaliga Sud, nella quale è stato rinvenuto materiale sospetto abbandonato e parzialmente interrato su di un  piccolo pezzo di terreno, affacciato sul mare, venuto alla luce probabilmente a causa delle numerose mareggiate. Sulla zona, l’ombra di passati smaltimenti di materiali sospetti in relazione a passate attività che in quell’area si sono svolte negli anni passati, oppure uno sporadico abbandono di materiale di risulta di qualche piccolo lavoro in economia? Sebbene la natura di quanto posto sotto sequestro non sia ancora nota, secondo indiscrezioni si tratterebbe di amianto.  Se così fosse, i gravissimi problemi alla salute che l’amianto arreca, tanto da vietarne la produzione e l’uso già dal 1992, giustificherebbe lo spiegamento di forze da parte delle Fiamme Gialle a tutela della salute pubblica. Le indagini ci diranno cosa è affiorato dal terreno sotto gli occhi dei numerosi abitanti svegliati dall’intervento della Guardia di Finanza.

Commenti

commenti