Al via in Moldavia la nuova missione di Battilocchio

4 gennaio 2014

Al via in Moldavia una nuova  iniziativa di Alessandro Battilocchio. Da poco tornato dal Kosovo, dove ha portato avanti una delicata missione in collaborazione con il Ministero degli Esteri e della Difesa, Battilocchio è nuovamente in azione in questo 2014 sul versante diplomatico ed umanitario. E’ infatti giunta a Chisinau una delegazione locale composta da insegnanti e rappresentanti di Associazioni di volontariato, recatasi in Moldavia per portare aiuti umanitari presso orfanotrofi ed istituti che ospitano minori in condizioni di difficoltà e disagio. Previsti anche incontri in Parlamento, presso l’Ambasciata italiana, presso la locale sede Unicef e coi Sindaci dei vari Comuni coinvolti nel progetto. Il gruppo soggiornerà presso il centro salesiano “Don Bosco” e visiterà strutture in varie parti della Moldavia , in stretta collaborazione con le autorità locali. Il comprensorio di Civitavecchia anche stavolta si è mobilitato promuovendo nelle scorse settimane raccolte che saranno consegnate negli istituti ed alle famiglie direttamente dai rappresentanti delle scuole e delle associazioni protagoniste: in particolare la scuola primaria di Allumiere, l’istituto Marconi di Civitavecchia ,l’istituto Calamatta di Civitavecchia, l’Associazione “Venite e vedrete” di Santa Marinella e la Croce Rossa di Allumiere. Analoga iniziativa natalizia era stata già avviata nel 2013 mentre nel corso dell’estate sono stati promossi campi di volontariato nelle strutture salesiane di questo sfortunato Paese. Sono inoltre stati attivati dei contatti tra gli Enti locali per la partecipazione congiunta a programmi e progetti internazionali nell’ambito delle attività portate avanti dall’Unione Europea coi Paesi confinanti. “Ringrazio la mia delegazione che ha voluto dedicare, a proprie spese, questi giorni di festa a questi ragazzi che trascorrono il loro Natale in istituto, ultimi tra gli ultimi. La risposta di scuole ed Associazioni che hanno realizzato piccole raccolte, consegnate personalmente da rappresentanti partecipanti, è un segnale bellissimo. Non può esserci modo migliore per iniziare questo 2014 all’insegna dell’amicizia internazionale, della solidarietà e dell’attenzione a chi è rimasto indietro”, ha dichiarato Alessandro Battilocchio da Chisinau.

Commenti

commenti