Acqua pubblica, De Paolis (Sel): “segnali incoraggianti”

13 marzo 2014

È iniziato il dibattito in consiglio regionale sulla proposta di legge di iniziativa popolare sul servizio idrico del Lazio. Secondo il capogruppo di Sinistra Ecologia e Libertà Gino De Paolis dall’aula arrivano segnali incoraggianti, si profila la possibilità che i Comuni possano decidere autonomamente e in caso ripubblicizzare l’acqua. Conclusa alle 2 di notte, la discussione in consiglio riprenderà lunedì prossimo. “I lavori sono a metà – spiega Gino De Paolis – abbiamo discusso 5 articoli su 10, ma possiamo dire che siamo molto più avanti della metà perché è stata trovata una quadra politica concordata con i comitati proponenti, sembra ci sia un accordo di massima. È una legge che ci inorgoglisce, perché se esce così lunedì, quando è stato aggiornato il consiglio regionale, avremo la libertà per i Comuni di decidere in base al proprio bacino, al consorzio, alla propria volontà di poter ripubblicizzare il servizio idrico. Stiamo rispettando il quesito referendario – continua il capogruppo di Sel – c’è stato un confronto serrato per tutta la giornata di ieri finito alle 2 di notte con i comitati proponenti. I partiti sembra che abbiano l’intenzione di portare a termine questa legge con le caratteristiche con cui è stata proposta – conclude Gino De Paolis – facciamo gli scongiuri, aspettiamo lunedì, ma i presupposti ci sono”.

Commenti

commenti