A Cerveteri le regine ed eroine d’Africa per la pace ed il cambiamento in Mali

7 marzo 2013

Si terrà a Cerveteri in occasione della Festa della Donna una manifestazione dedicata all’Africa e alle donne che lottano per la Pace. Presso il Matuna, via della Necropoli n.2 a Cerveteri, l’associazione Se Non Ora Quando e l’ATS Caere Tarkna Terra d’Etruria, con il patrocinio dell’Assessorato allo Sviluppo Sostenibile del Comune di Cerveteri, venerdì e sabato sarà allestita la Mostra “Regine ed Eroine d’Africa”, proposta dall’associazione Solidarité Nord Sud ONLUS. Sarà un finesettimana di dibattiti, arte, artigianato, cibi e musica live. “L’associazione “Solidarité Nord Sud” ONLUS – ha spiegato l’Assessore Lorenzo Croci – sostiene la lotta del popolo maliano per il ritorno della Pace in Mali. Gli eventi che propongono sono mirati a far conoscere i molteplici aspetti e le vere cause della situazione drammatica che vive il “paese della sanankuya”. La mostra “Regine ed eroine d’Africa” è la prima esposizione in Italia a percorrere la storia d’Africa con un taglio del tutto particolare, ossia attraverso le sue grandi figure femminili a cominciare dalla Grande Madre di tutto l’Universo fino alle grandi Regine che hanno fatto la storia del Continente per secoli, alle grandi combattenti contro lo schiavismo prima e contro l’occupazione coloniale poi, fino alle grandi Donne dei nostri giorni”. Venerdì la mostra sarà inaugurata alle 17 insieme alla presentazioni dei libri: “Il Mali: il paese della Sanankuya. I Dogon” e “L’indipendenza mancata: il Mali. Una rivoluzione tradita”. Saranno presentate le opere dell’artista Ousmane Garba Kounta, e i prodotti dell’artigianato del Mali come i gioielli e i tessuti. Alle 21,30 sarà in scena la musica del trio “Mandengue Melodies”. Sabato apertura della mostra alle ore 10. La sera, alle 21.30, evento musicale di grande originalità con i “Raices Afrocubanas” ensemble di percussionisti di musica folklorika afrocubana. Il ricavato dei libri e dell’artigianato andrà a sostegno dei progetti di sviluppo che l’associazione ha in corso in Mali.

Commenti

commenti